L’inquinamento acustico: un nemico invisibile che si combatte con tappi e cuffie

Oggigiorno, più che mai, l’inquinamento acustico rappresenta una minaccia subdola. Nella quotidianità, le orecchie sono esposte a livelli sonori intensi e sovente adulti e bambini sono letteralmente bombardati da rumori fastidiosi e sgradevoli che possono essere la causa, nel lungo periodo, di disfunzioni uditive. L’Organizzazione Mondiale della Sanità fissa la soglia di sicurezza in 65 decibel. Ciononostante, nella vita di tutti i giorni, l’intensità sonora a cui si è esposti supera di gran lunga questo limite. Basti pensare ad un’aspirapolvere che ha una rumorosità media di 80 dB o al frastuono avvertito in una discoteca che supera i 110 dB. I tappi anti rumore e gli altri otoprotettori si rivelano strumenti indolori e non invasivi in grado di scongiurare il rischio che l’esposizione al rumore abbia ripercussioni sull’udito.

Gli otoprotettori per proteggere l’udito

I danni uditivi causati dal rumore si evidenziano dapprima con un temporaneo deterioramento della sensibilità uditiva, con acufeni e con una fastidiosa sensazione di orecchio pieno. Nella fase successiva, quando il danno uditivo è conclamato, si manifesta un’ipoacusia neurosensoriale bilaterale e simmetrica. Devastanti sono gli effetti provocati da un’esposizione al rumore protratta nel tempo, ma non certo trascurabili sono anche i traumi acustici acuti, conseguenti all’esposizione a rumori di breve durata ma molto intensi. Gli otoprotettori assolvono alla fondamentale funzione di prevenire i danni uditivi causati dal rumore, attenuando i rumori stessi e, al contempo, garantendo una percezione naturale del suono. Questi strumenti, infatti, riescono a proteggere l’apparato uditivo di chi li indossa in quanto creano una barriera tra l’orecchio e le onde sonore presenti nel campo acustico.

Alla scoperta degli otoprotettori

Garanzia del massimo comfort e compatibili con lo svolgimento di ogni attività, gli otoprotettori possono essere distinti in due tipologie. Le cuffie consentono di ottenere un’attenuazione da 33 a 36 dB: le conchiglie che coprono le orecchie sono rivestite con del materiale fonoassorbente e creano un contatto ermetico con la testa attraverso dei cuscinetti morbidi riempiti con liquido o espanso. I tappi anti rumore offrono buone caratteristiche di isolamento con un’attenuazione da 23 a 45 dB: l’impiego di materiali con doti di elasticità e l’elevata densità facilitano l’aderenza al canale uditivo in modo tale da proteggere l’orecchio, smorzando le frequenze dannose per l’udito. Questi ausili devono essere, per legge, indossati da tutti i lavoratori esposti a forti fonti di rumore: in mancanza di adeguate protezioni per le orecchie, coloro che lavorano nel settore edilizio o a contatto con macchinari industriali corrono seri rischi di danneggiare l’udito in modo permanente. Non meno rilevante è la funzione degli otoprotettori nelle situazioni di svago e nel tempo libero: assistendo ad un concerto o ad una gara motociclistica oppure utilizzando strumenti come taglia erba e trapani, il ricorso a tappi e cuffie è essenziale per prevenire futuri danni uditivi.

L’importanza di una protezione acustica su misura

Gli otoprotettori su misura in materiale atossico e completamente anallergico offrono il massimo comfort anche in caso di utilizzo prolungato, senza l’effetto occlusione e senza il rimbombo della propria voce. Un otoprotettore anatomico, come un prodotto sartoriale, aderisce perfettamente alla forma e alle dimensioni dell’orecchio: il merito è da ascrivere ad un calco che viene ottenuto mediante l’inserimento nel padiglione auricolare di una massa siliconica indurente e che riproduce in modo fedele le particolarità anatomiche delle regioni di applicazione. Queste protezioni acustiche personalizzate che attenuano il timbro dei suoni e che lasciano inalterata l’udibilità delle conversazioni si prestano a molteplici utilizzi: possono essere indossate in piscina per impedire all’acqua o all’umidità di penetrare nell’orecchio interno, durante gli spostamenti in moto per non essere infastiditi dal rumore del vento, nel corso dei viaggi aerei, per un sonno tranquillo e riposante al riparo dai rumori ambientali e in tutte le situazioni della vita professionale o personale in cui vi è la necessità di attenuare i suoni più forti. Le più diverse esigenze di protezione dell’udito possono essere, pertanto, soddisfatte grazie a soluzioni discrete e confortevoli garanzia di un’esperienza sonora qualitativamente superiore.

Vuoi mantenere il tuo udito in buona salute?
È più semplice di quanto pensi: uno stile di vita sano e controlli periodici sono un ottimo punto di partenza.

InfoUdito ti aiuta a entrare in contatto con i migliori centri acustici per prenotare una visita gratuita e testare le tue capacità uditive. Lasciaci un recapito e sarai ricontattato al più presto!

PRENOTA SUBITO LA VISITA GRATUITA