Il tecnico audioprotesista: cosa fa e quando occorre consultarlo

In tutti i casi di calo uditivo, è opportuno che la persona interessata dal deficit si rivolga a un tecnico audioprotesista per un ottenere un consulto professionale e per valutare l’utilizzo di soluzioni acustiche che possano aiutare a migliorare la percezione uditiva.

Chi è e cosa fa l’audioprotesista

Il tecnico audioprotesista è un professionista qualificato che, al termine di un idoneo percorso di studi, consegue la laurea triennale in Tecniche Audioprotesiche.
L’audioprotesista diventa così l’importante figura di riferimento per tutti quei soggetti che avvertano un calo uditivo e desiderino perciò sottoporsi a un test audiometrico.

Tale tipo di test viene svolto nell’ambito del consulto con l’audioprotesista, e consente di procedere ad un approfondito controllo dell’udito, attraverso prove audio che verifichino la capacità del soggetto di percepire voci, suoni e rumori.

Come si svolge un test audiometrico

Il test audiometrico, anche conosciuto come esame audiometrico tonale, si svolge facendo accomodare il paziente in un’apposita cabina insonorizzata.
Qui, il soggetto potrà indossare un paio di cuffie, attraverso le quali gli verranno inviati dei segnali audio in forma di toni.

La finalità del test è, ovviamente, quella di comprendere le caratteristiche del deficit uditivo accusato dal paziente. Per questo motivo, quest’ultimo ascolterà nelle cuffie toni moto alti e molto bassi, direzionati in ciascun orecchio.

Attraverso un’apposita pulsantiera, il paziente sarà in grado di comunicare dall’interno della cabina, inviando un segnale tutte le volte che percepisce un suono.
È evidente che il mancato segnale dopo l’invio di un tono verso la cuffia evidenzia una carenza uditiva. A tal fine, il tecnico audiometrista segue l’intero test e prende nota di ogni evento, al fine di individuare le proprietà del singolo caso. Il test audiometrico è del tutto innocuo e può essere effettuato a qualsiasi età.

Il colloquio con il tecnico audioprotesista

Se, a seguito dell’incontro con il paziente, il tecnico audioprotesista riscontra un calo uditivo, egli sarà in grado di individuare la soluzione più idonea per ogni paziente.

I problemi uditivi, infatti, possono essere diversi da paziente a paziente, e per ognuno di essi va individuata una soluzione personalizzata, che consenta al soggetto di ritornare quanto più possibile a sentire le voci e i suoni che lo circondano nella vita quotidiana.

La prevenzione dell’ipoacusia: il ruolo dell’audioprotesista

Una visita periodica dal proprio tecnico audioprotesista di fiducia è sicuramente da consigliare, nell’ambito della prevenzione dell’ipoacusia, specialmente se si tratta di soggetti anziani o che abbiano già subito episodi di calo uditivo.
L’audioprotesista condurrà il paziente nella scelta dell’apparecchio acustico più idoneo al caso specifico, facendo attenzione sia agli aspetti più prettamente tecnici e sanitari, sia alle naturali esigenze estetiche.

Desideri una consulenza uditiva personalizzata? Vuoi testare la tua capacità uditiva oppure sei alla ricerca di una soluzione acustica per tornare a sentire bene?

Lasciaci un recapito e ti chiameremo al più presto per prenotare un appuntamento gratuito in un centro acustico specializzato a te vicino

PRENOTA SUBITO LA TUA VISITA GRATUITA