Cosa sono gli apparecchi acustici RIC

Gli apparecchi acustici RIC si configurano come i dispositivi più avanzati realizzati nel campo della ricerca nel campo audioprotesistico. Si tratta di un dispositivo acustico con ricevitore nel condotto uditivo, studiato per essere versatile e pratico. Inoltre, gli apparecchi acustici RIC possono adeguarsi alle perdite uditive di qualsiasi entità, siano esse più lievi o più importanti.
Gli apparecchi acustici RIC, dove l’acronimo sta per Receiver in the Canal, si distinguono dagli apparecchi retroauricolari per possedere il ricevitore nel condotto. Caratteristica del ricevitore, o altoparlante che dir si voglia, è la cupolina in silicone, la quale è sovente messa a punto su misura del condotto uditivo del paziente. La necessità di realizzare la cupolina in silicone su misura viene dalla sua messa a dimora all’interno del condotto uditivo.

Nascondendo la cupolina in silicone del ricevitore nel condotto si ottiene una riduzione notevole dell’intero apparecchio, che risulta perfettamente invisibile alla vista.

I componenti degli apparecchi acustici RIC

Per comprendere al meglio il funzionamento di un apparecchio RIC è indispensabile conoscere quali sono gli elementi di cui si compone. Essenzialmente sono 3 le parti che possono essere individuate come principali in una protesi acustica RIC: il guscio, il ricevitore e un cavetto sottile, indispensabile a mettere in comunicazione il guscio esterno con l’altoparlante custodito nel condotto uditivo.

Il guscio è alloggiato all’esterno dell’orecchio. Esso contiene il microfono e l’amplificatore del suono. All’interno del condotto uditivo, invece, trova dimora l’altoparlante, o ricevitore, che si conclude con la tipica cupolina in silicone. Esso è situato solitamente nell’area del condotto che più si avvicina al timpano.

L’ultimo elemento è rappresentato da piccoli cavi trasparenti, i quali sono adoperati per mettere in comunicazione il guscio con il ricevitore. I cavi trovano posto all’interno di un tubicino trasparente.
Inoltre le varie aziende propongono sul mercato prodotti disponibili in colori differenti e con diversi design.
Rispetto alle dimensioni, la protesi RIC è lievemente più piccola degli apparecchi BTE: la ragione non si esaurisce in una scelta estetica; piuttosto può essere spiegata pensato che uno degli elementi principali dell’apparecchio è situato in maniera celata.
In commercio esistono centinaia, se non migliaia di apparecchi RIC: le aziende ne hanno prodotti di diverse forme e dimensioni, alcuni di grande design e di colori differenti, tanto da soddisfare ogni tipo di aspettativa del paziente.

I vantaggi e gli svantaggi dell’uso di protesi RIC

Le protesi RIC sono considerate le migliori protesi acustiche in circolazione: le ragioni di tanto apprezzamento sono semplici e possono essere riassunte nella grande versatilità di questi apparecchi, nella loro ottimale discrezione, e nella possibilità di essere utilizzati per una perdita uditiva lieve, così come per una perdita uditiva più importante.
Se i vantaggi di indossare quelle che sono considerate le migliori protesi acustiche sono considerevoli, esse presentano anche delle pecche: tali protesi, infatti, sono difficilmente adattabili a una perdita uditiva profonda e, soprattutto, non sono consigliabili per pazienti anziani affetti o colpiti da difficoltà motorie evidenti alle mani.

Desideri una consulenza uditiva personalizzata e sei alla ricerca di una soluzione acustica per tornare a sentire bene?

InfoUdito ti aiuta a pianificare in serenità il percorso verso il recupero dell’udito: lasciaci un recapito, i nostri operatori ti richiameranno al più presto per fissare un appuntamento gratuito nel centro specializzato più vicino a te.

PRENOTA SUBITO LA VISITA GRATUITA