Orecchie che fischiano: quali sono le cause

Sibili, fischi, ronzii e fruscii: sono questi i principali disturbi avvertiti chi soffre della patologia definita acufene o tinnito.
Esistono due tipologie di acufene: oggettivo, quando un’energia vibratoria determina un suono percepibile anche dall’esterno e soggettivo, quando la percezione uditiva è priva di stimolazione esterna. Ma quali sono le cause scatenanti dell’acufene?

Acufene e problemi di udito

Una delle cause dell’acufene è l’esposizione prolungata al rumore, una condizione che può portare a problemi di udito anche i soggetti giovani. Non indossare le dovute protezioni in un ambiente di lavoro rumoroso e ascoltare musica ad alto volume sono comportamenti pericolosi, che possono portare alla distruzione delle cellule dell’orecchio interno, che non sono in grado di rigenerarsi, e causare acufeni e altri disturbi dell’udito.

Acufene da accumulo di cerume

Una gran quantità di cerume presente nel condotto uditivo può essere la causa del peggioramento degli acufeni o perfino di una parziale sordità. Un accumulo di tale importanza non può essere rimosso con metodi casalinghi, ma va trattato da un otorinolaringoiatra.

Acufene pulsante

L’acufene pulsante si presenta come un suono ritmico e pulsante, che va a tempo con il battito cardiaco. A volte, questo tipo di acufene può essere misurato oggettivamente tramite un microfono inserito nel condotto uditivo. Può essere un disturbo indicativo di patologie cardiovascolari, come ipertensione, arteriosclerosi, un soffio al cuore o anomalie a carico di vene e arterie.

Acufene cause neurologiche

Le cause neurologiche più comuni per l’acufene sono l’emicrania, l’epilessia, la sclerosi multipla, l’ipertensione intracranica, la contrazione involontaria del palato molle e gli spasmi del muscolo tensore del timpano e del muscolo stapedio, che stabilizza la staffa, uno degli ossicini dell’orecchio medio.

Acufene da tumore

Sebbene non si tratti di un’eventualità molto frequente, a volte la causa di un acufene può essere un tumore. Il neurinoma del nervo acustico è un tumore benigno che interessa i due rami dell’ottavo nervo cranico, fondamentali per l’udito e l’equilibrio. I disturbi causati da questo tumore variano in base alle sue dimensioni e alle strutture nervose compresse dalla sua crescita, ma generalmente i pazienti riferiscono un abbassamento dell’udito nell’orecchio colpito, acufene e più raramente vertigini e disturbi dell’equilibrio. Essendo un tumore benigno, è sufficiente un’operazione chirurgica per eliminare il problema.

Acufene da otite

L’otite è un’infiammazione dell’orecchio, che può essere di origine batterica o virale. In caso la patologia colpisca la zona del timpano e della catena degli ossicini, si parla di otite media. L’acufene, insieme a febbre, dolore e abbassamento dell’udito, è uno dei sintomi dell’otite media e tende a scomparire con la convalescenza.

Acufeni cause psicologiche

In caso non sia possibile collegare l’acufene a nessuna malattia fisica, l’origine del disturbo sarà probabilmente di tipo psicologico. Si parla di acufene psicogeno se esordisce in concomitanza di eventi fortemente emotivi o episodi di grande stress. In caso l’acufene appaia in un quadro clinico in cui è già presente un disturbo di natura psicologica o psichiatrica, la gravità di quest’ultimo può essere influenzata negativamente dalla persistenza del tinnito.

Acufene da stress

La fatica e i ritmi frenetici possono essere la causa scatenante dell’acufene da stress o aggravare un disturbo già esistente. Poiché l’acufene stesso può essere fonte di ulteriore stress, si crea un circolo vizioso che tende a peggiorare lo stato psicologico di chi ne soffre.

Acufene e ansia

I disturbi dell’ansia sono stati i primi a essere correlati con l’insorgenza dell’acufene. La percezione dell’acufene è inoltre un fatto soggettivo, e ognuno ha un proprio grado di tolleranza al rumore da esso prodotto. È quindi possibile che i soggetti ansiosi siano più sensibili all’acufene e meno disposti a tollerarlo.

Acufene e depressione

Anche la depressione viene annoverata nei disturbi psicologici e psichiatrici che possono generare l’acufene o peggiorare dopo la sua insorgenza. Lo stato di depressione dei pazienti può essere aggravato dai disturbi del sonno che sono spesso conseguenza degli acufeni.

Non lasciare che l’acufene ti arrechi malessere, fastidi e malumore: fare un controllo può aiutarti a sentirti più sereno e a migliorare la qualità del tuo udito.

Ti basta lasciarci un recapito: ti metteremo in contatto con il centro specializzato più vicino e, insieme a medici professionisti, potrai trovare la soluzione migliore per alleviare il tuo disturbo.

PRENOTA LA VISITA GRATUITA