I quattro gradi di sordità secondo il Bureau International d’Audiophonologie

La perdita uditiva provocata da traumi, patologie o decadimento fisiologico non presenta caratteristiche omogenee in ogni individuo, ma si differenzia in diversi stadi di gravità. Secondo le linee guida del Bureau International d’Audiophonologie (BIAP), massima autorità scientifica in campo audiologico, si distinguono infatti quattro diversi gradi di sordità: lieve, moderata, grave e profonda. Tali soglie, espresse in decibel, stabiliscono dunque l’entità della perdita uditiva misurata durante l’esame audiometrico tonale e forniscono delle informazioni indispensabili sia per la diagnosi che per il trattamento dell’ipoacusia. La misurazione della soglia uditiva, inoltre, permette di valutare la capacità di percezione sonora di ogni individuo e rappresenta un parametro di estrema importanza per l’eventuale applicazione di un apparecchio acustico. Pertanto, è fondamentale comprendere le differenze fra i diversi gradi di sordità e le loro conseguenze pratiche.

L’ipoacusia di grado lieve

Secondo le indicazioni del Bureau International d’Audiophonologie (BIAP), viene definita normale una soglia uditiva minima compresa fra 0 e 20 dB.
Quando la perdita di udito diagnosticata attraverso l’esame audiometrico tonale risulta superiore ai 21 dB e inferiore ai 40 dB, si parla di ipoacusia lieve. I soggetti che rientrano in tale soglia iniziano ad avere difficoltà nella percezione delle voci e dei suoni leggeri, soprattutto negli ambienti più rumorosi. Di norma, infatti, il parlato ha un intensità di circa 30-40 dB, mentre il bisbiglio può scendere anche sotto i 20 dB.

L’ipoacusia di grado moderato

L’ipoacusia moderata rappresenta lo stadio intermedio della perdita dell’udito, nonché la soglia minima oltre la quale è consigliabile l’utilizzo di una protesi acustica. I soggetti con questo grado di sordità hanno infatti una soglia uditiva compresa fra i 41 e i 70 dB, che comporta evidenti problemi nella percezione delle voci o dei suoni di media intensità anche a distanza ravvicinata.

L’ipoacusia grave

Quando la sensibilità uditiva minima si attesta su un livello compreso tra 71 e 95 dB, si parla di ipoacusia grave. Quest’ultima è una condizione al limite della sordità totale, che impedisce di sentire le voci altrui e rende problematica perfino la percezione dei suoni più intensi, come ad esempio il rumore di un’aspirapolvere (70-80 dB). In questo stadio è quindi indispensabile ricorrere all’applicazione di una protesi o di un impianto acustico.

L’ipoacusia profonda

L’ipoacusia profonda, caratterizzata da una soglia uditiva superiore ai 96 dB, rappresenta di fatto una condizione di completa sordità. I soggetti che rientrano in tali parametri possono non percepire anche i suoni più intensi come le urla o il rumore di un trapano (90-95 dB). In presenza di un’ipoacusia profonda, dunque, è opportuno utilizzare un apparecchio acustico coadiuvato da un microfono wireless in grado di amplificare la percezione sonora negli ambienti più rumorosi.

L’importanza delle frequenze sonore per la determinazione dell’ipoacusia

Per misurare l’udito e determinare il grado di sordità effettivo, durante l’esame audiometrico tonale viene calcolata anche la media delle soglie uditive rilevate alle frequenze standard di 500, 1000, 2000 e 4000 Hertz. Tale classificazione è particolarmente utile in fase di diagnosi, poiché consente di differenziare le ipoacusie pantonali (ovvero complete) da quelle monotonali o politonali, che si manifestano soltanto a determinate frequenze. Inoltre, l’analisi della perdita uditiva in relazione alle diverse frequenze costituisce anche un parametro fondamentale per la scelta e la regolazione degli apparecchi acustici.

Identificare e combattere l’ipoacusia è possibile: un semplice controllo dell’udito può aprire la strada per tornare a sentire bene e vivere appieno la tua giornata.

Lasciaci un recapito e ti metteremo in contatto con il centro acustico più vicino per un appuntamento gratuito: medici specializzati ascolteranno le tue richieste e sapranno indicarti la migliore soluzione acustica.

PRENOTA SUBITO LA VISITA GRATUITA