L’ipoacusia trasmissiva: cause, sintomi e possibili interventi

L’ipoacusia trasmissiva è un disturbo dell’udito causato da un danneggiamento a carico dell’orecchio esterno o medio. La mancata trasmissione può essere provocata da più fattori, tra cui occlusioni del condotto uditivo, infezioni o malformazioni congenite. Questo tipo di ipoacusia può manifestarsi sia come una perdita parziale che come una perdita totale dell’udito, ed è possibile che si manifesti sia monolateralmente che bilateralmente. Alcune tipologie di ipoacusia di trasmissione possono essere efficacemente trattate con gli apparecchi acustici, o con terapia chirurgica. Vediamo ora, più nel dettaglio, cos’è l’ipoacusia trasmissiva, le sue cause, i sintomi ed i possibili rimedi.

Dove nasce l’ipoacusia trasmissiva

L’orecchio è un organo di senso estremamente sofisticato, che può essere suddiviso in tre grandi sezioni, ossia orecchio esterno, orecchio medio e orecchio interno, così composti:

  • Orecchio esterno: padiglione auricolare, condotto uditivo esterno
  • Orecchio medio: membrana timpanica, catena degli ossicini (incudine, martello e staffa) e tromba di Eustachio
  • Orecchio interno: coclea e apparato vestibolare

L’ipoacusia di trasmissione nasce da problematiche a livello dell’orecchio esterno o medio. Come è intuibile dal nome stesso, questo tipo di sordità nasce da una trasmissione limitata o completamente assente del suono. I sintomi di questo tipo di ipoacusia sono estremamente vari, in base alle cause scatenanti che, purtroppo, sono molto numerose.

Le più comuni cause dell’ipoacusia trasmissiva

Ostruzioni a livello del condotto uditivo
Le ostruzioni nel condotto uditivo sono una delle più comuni cause dell’ipoacusia trasmissiva. In particolare, l’errato uso dei cotton fioc può provocare l’accumulo di cerume, formando un vero e proprio tappo che impedisce la corretta trasmissione del suono. Altri tipi di ostruzione – frequenti nei bambini – sono quelle causate dalla presenza di piccoli corpi estranei nel condotto uditivo. Infine, anche alcune malformazioni possono provocare un’ostruzione: è il caso di escrescenze carnose o cisti, che possono diminuire sensibilmente la capacità di recepire i suoni. I tappi di cerume ed i piccoli corpi estranei inseriti accidentalmente nel condotto uditivo causano un’ipoacusia semplice da risolvere, ma attenzione: le manovre di rimozione, se non effettuate da un otorino, potrebbero causare danni irrimediabili. È sicuramente meglio, quindi, evitare il fai da te. Per quanto riguarda escrescenze e cisti è possibile, in alcuni casi, ricorrere alla terapia chirurgica.

Ipoacusia trasmissiva causata da infezioni
Le infezioni causano, purtroppo, numerosi casi di ipoacusia di trasmissione. Vari tipi di otite e un ceppo di herpes zoster possono determinare un abbassamento temporaneo della funzionalità uditiva. Se non curate, queste infezioni possono provocare un danno permanente. Per questo motivo, in caso di dolori o percezione di un improvviso abbassamento della soglia uditiva, è importante recarsi immediatamente da un medico.

Ipoacusia di trasmissione causata da sclerosi
La sclerosi è, semplificando, un indurimento dei tessuti, con conseguente perdita di funzionalità. Il sofisticato sistema di trasmissione del suono prevede numerose parti in movimento, a partire dalla membrana timpanica, che trasmette le vibrazioni alla catena di ossicini formata da incudine, staffa e martello. Le sclerosi relative alla catena di ossicini o al timpano (rispettivamente otosclerosi e timpanosclerosi) limitano progressivamente il movimento di ossa e membrane, impedendo una corretta trasmissione del suono.

La prevenzione dell’ipoacusia di trasmissione

Come già accennato, l’orecchio è un organo estremamente delicato e sensibile. Per diminuire il rischio di insorgenza dell’ipoacusia di tipo trasmissivo da occlusione, è possibile adottare alcune semplici regole di buonsenso:

  • Utilizzare correttamente i cotton fioc, per impedire la formazione di un tappo
  • Evitare ambienti molto rumorosi: la naturale difesa è la produzione di cerume in eccesso
  • Non introdurre corpi estranei nel condotto uditivo, per nessun motivo, e monitorare adeguatamente i bambini per evitare questo problema

La cura dell’ipoacusia trasmissiva: possibili interventi

Purtroppo, alcuni tipi di ipoacusia trasmissiva bilaterale o monolaterale non possono essere impediti in alcun modo, come nel caso delle ipoacusie da sclerosi. In alcuni casi (ostruzione del condotto uditivo da cisti o simili) è possibile intervenire con una terapia chirurgica. In molti altri casi è invece possibile risolvere il disagio con l’impiego degli apparecchi acustici, tornando ad ottenere immediatamente una normale funzionalità uditiva. Ricordiamo che, oggi, sono disponibili sul mercato numerosi apparecchi acustici invisibili, che risolveranno il problema discretamente e con la massima efficacia. In linea generale, sottolineiamo che le cause dell’ipoacusia trasmissiva sono tanto varie da richiedere sempre una terapia personalizzata. E per evitare il peggioramento delle problematiche, consigliamo di intervenire sempre con tempestività: ai primi sintomi di abbassamento della soglia uditiva – soprattutto in presenza di dolore, sintomo di una possibile infezione – meglio contattare rapidamente un medico otorinolaringoiatra.

Identificare e combattere l’ipoacusia è possibile: un semplice controllo dell’udito può aprire la strada per tornare a sentire bene e vivere appieno la tua giornata.

Lasciaci un recapito e ti metteremo in contatto con il centro acustico più vicino per un appuntamento gratuito: medici specializzati ascolteranno le tue richieste e sapranno indicarti la migliore soluzione acustica.

PRENOTA SUBITO LA VISITA GRATUITA